RICERCA

 
 

TEMI DI RICERCA

 

E-MUSIC THERAPY

ABSTRACT

TITOLO: E-MUSIC THERAPY. Studio pilota su qualità e percezione dell’esperienza in musicoterapia a distanza

AUTORI: M. Brumat, C.M. Bieker, A. Grusovin. A.P.S Aulòs, Trieste.

INTRODUZIONE: La pandemia di Covid-19 ha costretto i musicoterapeuti a confrontarsi con la necessità di condurre sedute online e affrontare le sfide pratiche e teoriche conseguenti. A fronte di una scarsità di letteratura in merito, si è deciso di procedere a una indagine che rispondesse ad alcuni dei quesiti più urgenti. Si dà quindi conto dei risultati del progetto pilota condotto tra maggio e giugno 2020 e inerente alla valutazione di qualità e percezione di sedute di musicoterapia individuale online.

OBIETTIVI: Determinare in termini digitali la qualità e la percezione dell’esperienza musicoterapica a distanza da parte dell’utente e la qualità della valutazione del musicoterapeuta rispetto alla relazione con il cliente.

MATERIALI E METODI: 11 coppie formate da musicoterapeuta e utente hanno aderito all’iniziativa. Ciascuna coppia ha svolto 5 sedute da 45 minuti di musicoterapia vocale su piattaforma online (Zoom, Skype o WhatsApp). Per la rilevazione dei dati sono stati individuati il questionario autosomministrabile Experience Sampling Method (ESM), designato a indagare la qualità dell’esperienza nelle dimensioni cognitive, affettive-emotive e motivazionali, qui adattato alle esigenze del contesto, e lo strumento di valutazione della relazione in musicoterapia MT-SAS; entrambi sono stati approntati e somministrati tramite Moduli Google. Al termine di ciascuna seduta, è stato chiesto agli utenti di rispondere all’ESM, e ai musicoterapeuti di compilare il MT-SAS. Gli utenti sono stati invitati a rispondere allo stesso questionario anche in momenti casuali della vita quotidiana.

CONCLUSIONI: I dati mostrano un piccolo ma significativo effetto benessere della musicoterapia a distanza sui partecipanti. Per quanto riguarda invece la valutazione della relazione in musicoterapia, il dato più importante è sicuramente quello che caratterizza le emozioni che si generano nella relazione e la capacità di rilevarle nonostante lo strumento tecnologico ponga forti limitazioni. I risultati ci incoraggiano a procedere a una ricerca più ampia e controllata, nella quale introdurre anche la comparazione tra musicoterapia online e  musicoterapia in presenza.

CONFERENZE E CONVEGNI

Savio L, Bieker CM (2019) "La voce in musicoterapia. Analisi e riflessioni sullo strumento primario della relazione". Intervento nel convegno "Cantare, narrare, parlare ai bambini. La voce come strumento espressivo, musicale, relazionale, educativo", Trieste 23 novembre 2019. 

Bieker CM (2019) "Musica e musicoterapia nella disabilità". Intervento nel convegno "Il contributo del turismo e dell'arte a favore delle persone con disabilità", Trieste 30 ottobre 2019.

Grusovin A (2019) "Esperienze di coralità: voce, espressione di un'identità". Intervento nel convegno "Il contributo del turismo e dell'arte a favore delle persone con disabilità", Trieste 30 ottobre 2019.

Bieker CM, Micheloni G, Platania P, Pellizzari M, Saccavini M (2018) "Musicoterapia in pazienti con gravi cerebrolesioni acquisite". Poster presentato al XVIII Convegno S.I.R.N. (Società Italiana Riabilitazione Neurologica), Trieste 5-7 aprile 2018.

Bieker CM, Micheloni G (2017) "La musicoterapia in pazienti con gravi cerebrolesioni acquisite. Stati vegetativi e stati di minima coscienza". Intervento nell'ambito del "Corso di addestramento all'assistenza di persone con grave cerebrolesione acquisita". Ospedale di Gorizia - ASS2 Bassa Friulana Isontina, 16 novembre 2017.

©2018 by Aulòs              A.P.S. Aulòs - Strada di Rozzol 12, 34139 Trieste - C.F. 90151240323 - P.IVA 01287810327     
info@aulosmusicoterapia.com - associazioneaulos@pec.it - +39 040 9828148

Crédit Agricole Filiale 175 Trieste - Via Flavia IBAN IT62O0533602204000040463823